Censimento dei Santuari

Santuari

Tempio Nazionale a Maria Madre e Regina di Monte Grisa (Santuario di Monte Grisa)

Il Santuario Nazionale è stato inserito nel primo Censimento Santuari – ricognizione giuridico-pastorale curato dalla professoressa Giustina Aceto, docente per I Santuari Mariani presso la Pontificia Facoltà Teologica Marianum (Roma) e referente per la Pontificia Academia Mariana Internationalis (Santuari – PAMI) per la ricerca santuariale.

Trieste, Diocesi di Trieste

Questo Tempio nasce da un voto fatto durante la Seconda Guerra Mondiale: Trieste è occupata dalle truppe tedesche in ritirata che minacciano di far saltare tutte le vie di comunicazione e gli impianti portuali. Il vescovo, mons. Antonio Santin promise che, se Trieste fosse stata risparmiata da ulteriori distruzioni, avrebbe costruito una chiesa in onore della Vergine Maria. Trieste fu salvata e nel 1959 Papa Giovanni XXIII decise di dedicare il Tempio a Maria Madre e Regina, simbolo dell’unione dei popoli tra Occidente e Oriente. Proprio in quell’anno si svolse il pellegrinaggio con la statua della Madonna di Fatima lungo le province italiane, durante il quale vennero raccolti i primi fondi per realizzare il Tempio. Il 17 settembre la statua della Madonna di Fatima giunse a Trieste e il 19 ebbe luogo la cerimonia per la posa della prima pietra del Tempio, poi concluso nel maggio del 1966.
Fu benedetto da Papa Paolo VI il 22 dello stesso mese ed è stato elevato a simbolo di pace e di concordia tra le genti dell’Europa e del Mondo intero da Papa Giovanni Paolo II in visita a Trieste il primo maggio 1992. I fedeli-pellegrini si raccolgono in preghiera dinanzi la statua della Madonna di Fatima ogni 13 del mese, da maggio ad ottobre si celebrano le grandi processioni ricordando le apparizioni della Nostra Signora di Fatima.

Tempio Nazionale a Maria Madre e Regina di Monte Grisa, XX (beniculturali.it)
Sito web Santuario
Diocesi di Trieste
PDF